129 toni / Cheap festival

il luogo-simbolo degli interventi di arte urbana curati da Cheap é il muro di cinta dell'Autostazione di viale Masini, unico spot a prevedere l'integrazione di pittura e poster art. La base di partenza del progetto realizzato da Alberonero è stato lo studio della relazione tra tabelle affissive e muro, in direzione di un cambiamento dell'equilibrio esistente. La leva è ancora una volta l'uso del colore, declinato in ben 129 variazioni derivanti dalla somma delle tre diverse tinte usate per ciascuno dei poster affissi, che contaminano anche la cornice dei billboard annullando la loro percezione come forme tridimensionali. La superficie muraria si sviluppa invece tra due poli contrapposti (chiaro vs scuro), che convergono al centro in una sezione neutra, in cui i colori perdono la loro caratterizzazione e, quindi, il loro effetto emozionale.

ENG



foto Michele Lapini

project 9.1 project 9.2 project 9.3 project 9.2 project 9.3 project 9.2 project 9.3 project 9.2 project 9.3